giovedì 16 maggio 2024

LUOGHI DA SOGNO & AMBIENTI ROMANZESCHI - I figli della cenere

  


 LUOGHI DA SOGNO & AMBIENTI ROMANZESCHI - I figli della cenere



Ciao a tutti e bentornati su Codex Ludus,

anche oggi si torna a parlare di ambientazioni in collaborazione con Dark Zone. Protagonista di questa tappa del blog tour è I FIGLI DELLA CENERE di Francesca Bertuca.

Buona lettura!


Biografia


Francesca Bertuca nasce a La Spezia nel giugno del 1987, una manciata di giorni prima del celebre discorso “Tear down this wall!” fatto dal Presidente degli Stati Uniti d’America, Ronald Reagan, a favore dell’abbattimento del Muro di Berlino. Questo, in qualche modo, deve averla influenzata. Sin da bambina, infatti, ha dimostrato una forte predisposizione alla creazione di storie, ma anche alla libertà e al bisogno spasmodico di arrampicarsi ovunque, con l’intento di valicare i confini e andare sempre al di là di qualcosa. Compiuti i diciotto anni, comincia a lavorare all’estero e, poco più tardi, si trasferisce a Parigi per poi tornare definitivamente in Italia nel 2011. Quattro anni dopo, inizia la stesura del suo primo romanzo e, nel 2018, con il patrocinio dell’associazione culturale la Fenice, diventa docente di scrittura creativa presso la Biblioteca Comunale di Santo Stefano di Magra, a La Spezia. Il primo capitolo della sua saga, I figli della cenere, viene pubblicato da DarkZone Edizioni nel 2020. Due anni più tardi, presenta l’antologia Liguri per sempre, curata da Alan Thomas Bassi, e pubblicata da Edizioni della Sera, e lancia il secondo capitolo della saga, La Marea Rossa, sempre con DarkZone Edizioni. Nel 2023, presenta Oltre la nebbia, di Alan Thomas Bassi, pubblicato da Edizioni Piuma, e vede il lancio del terzo capitolo della saga, Il Gigante del Cielo, presso il Salone del Libro di Torino, dove il volume conclusivo de I figli della cenere vedrà la luce nella primavera del 2024.

Trama



Tradito da chi aveva giurato di amarlo, Alec si ritrova abbandonato al di là del mare, nel mondo che aveva sempre sognato di raggiungere. Solo, ma con una nuova consapevolezza: i Tre Regni sono in pericolo. La guerra eterna tra Van de Lias e Richter promette di gettare nuova cenere sul mondo scagliando la micidiale Bomba Fungo. 

Per proteggere coloro che ama, Alec sarà disposto a tutto. Ma le buone intenzioni saranno sufficienti a fermare l’inevitabile? Mentre giochi di potere e battaglie si consumano, Lilienne e i Gigli iniziano un pellegrinaggio sacro attraverso le Terre Bianche, per salvare il mondo dalla cenere e riportare la luce. A qualsiasi costo. Anche quello della propria vita.

Ambientazione


Cosa lascia la guerra dopo il suo passaggio? Morte, silenzio. Cenere. In questa saga ci ritroviamo in un mondo devastato dal terzo conflitto mondiale, che con i suoi ordigni bellici ha fatto calare sulla Terra il drappo oscuro dell’inverno nucleare. Il mondo sembra aver dimenticato ogni frammento del passato e dei progressi che l'umanità aveva raggiunto. Ci si sorprende nello scorgere il lampeggiare di una torcia, nell’udire il boato di uno sparo; nel salire a bordo di un’automobile, mostri di ferro quasi dimenticati. Ne “I figli della cenere, la Grande Madre” verremo trasportati in una porzione nuova di questo mondo grigio. Terre bianche divorate dall’oscurità accoglieranno i personaggi, la cui unica speranza sarà una luce verde in lontananza, che li guiderà come un’aurora boreale attraverso una terra in rovina. Cammineremo lungo antiche strade che si inerpicano su per dune di neve, laddove si annidano i figli del passato e i bacilli, con i loro morsi velenosi e il sangue corrotto dalle radiazioni. Ci spingeremo nel luogo in cui tutto è iniziato, dove il fuoco della guerra che brucia da secoli sembra destinato a non estinguersi mai.


........................

Anche per oggi il blog tour dedicato alle ambientazioni termina qui. Se vorrete acquistare il libro non vi resta che andare sul sito https://www.dark-zone.it/ oppure se ancora non siete sicuri, potrete seguire tutte le altre tappe del blog tour.

Ciao ciao,

*Dana*




martedì 30 aprile 2024

LUOGHI DA SOGNO & AMBIENTI ROMANZESCHI - LA TORMENTA DI LUIGI CARROZZO

 


 LUOGHI DA SOGNO & AMBIENTI ROMANZESCHI - LA TORMENTA DI LUIGI CARROZZO





Ciao a tutti e bentornati su Codex Ludus,

anche oggi si torna a parlare di ambientazioni in collaborazione con Dark Zone. Protagonista di questa tappa del blog tour è LA TORMENTA di Luigi Carrozzo.

Buona lettura!


Biografia

Luigi Carrozzo è nato a Salerno e vive a Milano. Ha lavorato per anni con numerose case editrici ricoprendo vari ruoli: traduttore, ghost writer, editor. 

Suoi racconti sono stati pubblicati su diverse riviste e antologie. 

Per DZ edizioni ha pubblicato i romanzi Il pane dei morti, nel 2020, e La danza dei ragni, nel 2022. Inoltre, un suo racconto compare nell'antologia illustrata Hellgate, 2021.  


Trama



Una bufera del genere non si era mai vista; in poche ore, sulla sola Milano, quasi un metro di neve. È la notte del 13 gennaio e chi esce di casa a sfidare il maltempo non fa più ritorno. La mattina seguente è anche peggio: sotto l’incessante tormenta esplode la furia delle Bestie. Sono animali da incubo, simili a lupi famelici e inarrestabili. Sbranano chiunque incroci il loro cammino. E l’orrore non è ancora finito. In mezzo al cielo compare un punto nero, una sorta di buco che si ingrandisce di ora in ora. 

La bufera di neve, le Bestie, il buco nero: chi o che cosa ha dato inizio a tutto questo? 

Per scoprirlo bisognerà seguire le vicende di una madre e una figlia: Ilde e Greta. Entrambe condividono un dono, entrambe scopriranno una terribile verità, entrambe sanno che dovranno combattere a rischio della loro stessa vita per salvare tutto ciò che amano e, forse, la stessa realtà.

Ambientazione

Il romanzo è ambientato a Milano. La Milano contemporanea, con tutti i rituali e le idiosincrasie che la caratterizzano. È ambientato, tuttavia, in un momento particolare: durante la più maestosa nevicata che la città ricordi. Tutto viene sepolto, nel volgere di una notte, da quasi un metro di neve: un candore spettrale. Le strade gelano e il freddo polare regna sovrano ovunque; solo pochi, sparuti eroi hanno il coraggio di inoltrarsi nella bufera. Tra questi, gli studenti di una scuola del centro, che di fatto resteranno prigionieri nell’edificio e da lì assisteranno a un’altra anomalia di quella folle giornata: nel cielo compare un punto nero. A qualcuno pare un buco, ad altri sembra una sfera nera di un nero abissale, che tanto contrasta con il bianco che c’è tutto intorno. 


In realtà, alcune scene del romanzo si svolgono anche lontano da Milano; in un altrove che la protagonista chiama il Rifugio, un posto che ricorda i luoghi della mitologia norrena, fatti di venti impetuosi, prati sconfinati, picchi impervi. È qui che bisognerà cercare le risposte agli eventi che, per tanti versi, hanno reso Milano una città sotto assedio. 

................

Anche per oggi il blog tour è terminato. Non dimenticatevi di seguire tutte le altre tappe e se siete interessati all'acquisto del romanzo, correte sul sito di Dark Zone. (https://www.dark-zone.it/)

Ciao ciao,

*Dana*




martedì 23 aprile 2024

LUOGHI DA SOGNO & AMBIENTI ROMANZESCHI - ECLISSI TOTALE DI FILIPPO MAMMOLI


 LUOGHI DA SOGNO & AMBIENTI ROMANZESCHI - ECLISSI TOTALE DI FILIPPO MAMMOLI






Ciao a tutti e bentornati su Codex Ludus,

anche oggi si torna a parlare di ambientazioni in collaborazione con Dark Zone. Protagonista di questa tappa del blog tour è ECLISSI TOTALE di Filippo Mammoli.

Buona lettura!

BIOGRAFIA

Sono nato a Prato il 5 agosto del 1972. Come ingegnere elettronico, sono responsabile dello sviluppo software di un'azienda fiorentina che lavora nel settore del controllo qualità tramite machine vision. La mia passione per la scrittura inizia dalla poesia, con cui mi sono cimentato fin dall'età di vent'anni. Ho ottenuto premi in concorsi letterari e pubblicazioni nell'antologia del concorso “Daniela Pagani” indetto dal C.A.L.C.I.T. Chianti fiorentino nel 2004. Nel 2005 ho pubblicato un'altra poesia nell'antologia “I segreti di Pulcinella” edita da Giulio Perrone. 

Nel 2016 ho pubblicato in self publishing il mio primo romanzo dal titolo “I casi del destino”.

Nel 2018 il mio racconto “Purezza” è stato inserito nell'antologia “Racconti toscani” edita da Historica edizioni.

Nel 2019 ha visto la luce il thriller “Oltre la barriera” pubblicato da Dark Zone edizioni con cui ho partecipato al Salone del libro di Torino.

Sempre nel 2019 è uscito, per la Jolly Roger edizioni, il giallo dal titolo “Il bosco delle more di gelso”.

A giugno del 2020 ho pubblicato, per la Dark Zone edizioni, una raccolta di racconti noir dal titolo “Sospesi sul nulla”.

Nel dicembre 2021 è uscito il thriller “Le farfalle dell’Elba”, edito da Dark Zone edizioni.

A maggio 2023, in occasione del Salone del libro di Torino, è uscito per Dark Zone edizioni il thriller dal titolo “Due passi all’inferno” che a settembre dello stesso anno si è classificato sesto al concorso “Giallo Trasimeno”.

TRAMA



Un uomo vola giù dal tetto di un edificio e a indagare viene chiamato il commissario Marcello Tarantini, insediatosi nel nuovo ruolo di capo della Squadra Mobile della questura di Prato da appena due settimane. Tutto fa propendere per l’archiviazione del caso come suicidio, quando una seconda e una terza morte in situazioni analoghe arrivano a complicare le cose, complici anche i messaggi scritti a mano dalle vittime e collegati ai disturbi mentali per cui erano in cura da alcuni specialisti.

La lente d’ingrandimento di Tarantini si sposta su una influencer e il suo ragazzo, sempre i primi ad arrivare sui luoghi delle tragedie per girare e pubblicare video di dubbio gusto. Ci sono loro dietro la catena di suicidi? O lo psicologo che si rifiuta di collaborare?

Filippo Mammoli regala ai suoi lettori la nuova indagine del commissario Tarantini, che questa volta dovrà vedersela non solo con una serie di morti sospette, ma anche con una questora che non vede l’ora di liberarsi di lui.


AMBIENTAZIONE



Le vicende di questo thriller si svolgono tutte nella città di Prato e nei suoi dintorni.

Dopo aver superato l’esame per Commissario Capo, Marcello Tarantini ritorna nella sua toscana in qualità di Capo della Squadra Mobile della questura di Prato.

La città gli si presenterà un po’ ostica all’inizio, con il suo reticolo di campagna urbanizzata e di zona produttiva pesante alla periferia.

Il quadro che emerge è quello di una città completamente calata nella realtà attuale, con tutte le contraddizioni che emergono dal contrasto tra la vocazione industriale e quella di un antico centro con monumenti ed edifici medievali.

La Prato di Eclissi totale è multietnica non nasconde i problemi legati all’integrazione tra culture diverse. Una città che sembra la sintesi perfetta delle contraddizioni della nostra era, sempre in bilico tra bellezza e degrado.

Dai capannoni industriali di periferia fino alla magnificenza storica del Palazzo Pretorio, passando per i fasti del castello dell’Imperatore, le strade e le case di questa città diventano il teatro del disagio contemporaneo su cui qualcuno appone la sua firma per completare un piano criminale.

...............

Anche per oggi il blog tour dedicato alle ambientazioni termina qui. Non dimenticatevi di seguire tutte le tappe e di seguirmi su tutti i social per rimanere sempre aggiornati.

Ciao ciao,

*Dana*




martedì 16 aprile 2024

LUOGHI DA SOGNO & AMBIENTI ROMANZESCHI - TENEBRE SULLA FATTORIA DI DARIO DI GESU'

 

 LUOGHI DA SOGNO & AMBIENTI ROMANZESCHI - TENEBRE SULLA FATTORIA DI DARIO DI GESU'




Ciao a tutti e bentornati su Codex Ludus,

anche oggi si torna a parlare di ambientazioni in collaborazione con Dark Zone. Protagonista di questa tappa del blog tour è TENEBRE SULLA FATTORIA di Dario di Gesù.

Buona lettura!

BIOGRAFIA


Nato a Palermo il 25 marzo 1984, Dario Di Gesù è cresciuto tra viaggi, letture, giochi e l’interesse verso qualsiasi altro modo per raccontare una “storia”. Laureato in biotecnologie a Pavia, approda infine tra i monti nei pressi di Lucca.

Affascinato dal mondo umanistico quanto da quello scientifico, nonché lettore onnivoro, Dario nutre da sempre una passione per ogni declinazione del fantastico e per la scrittura, che esercita sin da giovane.

Nel 2021 scrive il proprio primo romanzo, TENEBRE SULLA FATTORIA, che vince il Premio Giancarlo Mancini per la Menzione Speciale della Commissione alla seconda edizione del concorso Giovanni Pace del 2022. DZ Edizioni.

Le cose cui tiene di più sono la moglie e gli altri affetti. Adora qualsiasi tipo di animale, ma se si dice che i suini siano i suoi preferiti… 

TRAMA



Il sole ha smesso di sorgere e ombre perenni celano orrori in agguato. Eppure la fattoria degli Ashmoore non è sguarnita: animali dalle capacità uniche trattengono l’assedio delle tenebre fuori dal recinto.

La capra Jillian evoca creature extradimensionali tracciando circoli sul terreno col suo sangue, a rischio della propria salute mentale.

Il gallo Norton scaccia le tenebre e brucia i propri nemici con le benedizioni del Sole, senza lasciare che la sua fede vacilli sotto l’assalto della notte.

Il maiale Pigfried combatte con la propria corazza armata, addestrato per anni e irriducibile nella volontà di battersi per difendere ciò che gli è caro.

Riusciranno questi insoliti guardiani a evitare che l’oscurità oltrepassi i confini della fattoria o la notte li inghiottirà e trionferà sulla luce del giorno?


AMBIENTAZIONE



La storia ha luogo nella seconda metà del tredicesimo secolo in Inghilterra. Sulla Contea Ashmoore, già colpita da carestia e pestilenza, il sole ha smesso di sorgere. La storia ha inizio presso la fattoria appartenuta al precedente Conte, che ha abdicato in favore del figlio e recentemente morto a causa di malattia. Ad abitarvi sono la vedova Ashmoore, e alcuni animali, dotati d’intelligenza e capacità straordinarie. Sono proprio un maiale, una capra e un gallo a ergersi in difesa della propria casa contro gli abomini che vengono partoriti dalle empie forze che circondano il recinto. I tre animali saranno costretti ad affrontare il male tra boschi più bui della notte, paludi infestate da ben più che sanguisughe, lugubri manieri in abbandono e sentieri ormai non più sicuri, dove la l’unica legge sopravvissuta sembra essere quella del più forte.

.............................

Anche per oggi questa tappa del blog tour è terminata. Vi aspetto sempre qui su Codex Ludus con tanti altri post dedicati alle ambientazioni.

Ciao ciao,
*Dana*